GEO Travel Network

Viaggi culturali

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Home Dettagli - Novara, 27 gennaio 2019

EMAIL Stampa

il caicco blu

Evento 

Quando:
27.01.2019 - 27.01.2019
Categoria:
Programmi 2019

Descrizione

Ottocento in collezione. Dai Macchiaioli a Segantini (Castello)

Il percorso proposto dalla mostra, articolata in circa ottanta opere, ripercorre l'evoluzione delle arti in Italia dall'unità nazionale ai primissimi anni del Novecento in modo trasversale e non attraverso l’appartenenza a scuole regionalistiche.
La prima parte della rassegna, che illustra l'affermazione delle poetiche del vero nel loro passaggio dai temi storico risorgimentali alla vita quotidiana del nuovo stato sabaudo, presenta opere di Gerolamo Induno, Giovanni Fattori e Silvestro Lega. Negli anni Sessanta si assiste a una messa a fuoco sul paesaggio naturalista e a un confronto tra ritratto pittorico e fotografico.
Si prende poi in esame l'assestarsi e il definirsi di un gusto nazionale nei due decenni successivi in confronto, sintonia o contrasto con i richiami della pittura d'Oltralpe. È il trionfo della pittura e della scultura di genere declinate su temi ispirati alla vita pastorale e agreste e a quella borghese delle città moderne, ma anche con affondi decorativi o folcloristici nel neo Settecento e nell'Orientalismo. Tra le eccellenze si annoverano le esperienze degli artisti operanti a Parigi come Boldini, De Nittis, Zandomeneghi, Corcos. Negli anni Novanta si assiste all'affermazione di istanze ideologicamente impegnate, da un lato verso i temi del lavoro, espressi con attenzione e denuncia delle ingiustizie sociali, dall'altra verso i primi stimoli del Simbolismo, a volte interpretati con enfasi decorativa di stampo allegorico. Accomuna l'elaborazione di contenuti così differenti la sperimentazione comune della pittura divisionista da parte dei maestri della cosiddetta prima generazione: Segantini, Previati, Pellizza, Nomellini.

La basilica di san Gaudenzio

Edificata tra il 1577 e il 1590 su probabile disegno di Pellegrino Tibaldi, la basilica si pose fin dal principio come emblema della cittadinanza novarese contro la presenza, sempre più opprimente, dello Stato assoluto instaurato dagli Spagnoli. Portato a termine solo nella seconda metà del XVII secolo, l'edificio, a una navata, presenta una pianta a croce latina, di struttura tardo-rinascimentale. La basilica possiede numerose opere d'arte, come il polittico di Gaudenzio Ferrari (commissionato nel 1514 circa), della seconda cappella a sinistra e i superbi affreschi eseguiti da Tanzio da Varallo nel 1629. Il campanile è opera di Benedetto Alfieri (1786), mentre la cupola, edificata tra il 1840 e il 1885 dal novarese Alessandro Antonelli, uno dei massimi architetti italiani dell’Ottocento, è completamente realizzata in muratura, subito divenuto il simbolo della città.

PER APPROFONDIMENTI VEDI: http://www.clponline.it/mostre/ottocento-collezione-dai-macchiaioli-segantini
https://www.turismonovara.it/it/ArteStoriaScheda?Id=125

PROGRAMMA
Ore 8,30: ritrovo dei partecipanti e partenza per Novara
Ore 11: visita guidata della mostra
Pranzo libero
Ore 15: visita guidata della basilica di San Gaudenzio
Ore 17: partenza per Torino con arrivo previsto per le 19

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
75 € a persona (salvo conguaglio)
Sconto del 10% per i soci del Touring Club Italiano

Le iscrizioni si chiudono il 14 gennaio.