GEO Travel Network

Viaggi culturali

<<  Dicembre 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
       1  2
  3  4  5  6  7  8  9
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31      
Home Dettagli - Milano, 10 febbraio 2019

EMAIL Stampa

il caicco blu

Evento 

Quando:
10.02.2019 - 10.02.2019
Categoria:
Programmi 2019

Descrizione

Romanticismo (Gallerie d’Italia)

La mostra propone una vasta panoramica sul movimento artistico che si diffuse in tutta Europa nella prima metà dell’Ottocento. Anticipato in Germania dal movimento dello Sturm und Drang, che per primo pose l’accento sull’interiorità e la libertà dell’artista e sul rapporto tra uomo e natura, il Romanticismo si distinse dal Neoclassicismo, ancora presente a inizio Ottocento, per l’affermazione di temi pittorici indicatori di una nuova sensibilità che rifiutava l’idea illuministica della ragione a favore di un’esplorazione dell’irrazionale.
Per quanto riguarda la pittura di paesaggio, essa andò progressivamente a perdere la funzione di ambientazione di scene mitologiche e sacre, a favore di un’idea della rappresentazione della natura come traduzione dello stato d’animo del pittore. Una particolare declinazione della pittura di paesaggio romantico è costituita da panorami naturali sterminati e violenti, volti ad esprimere la poetica del sublime, ossia il senso di terrore e di impotenza che l’uomo prova di fronte alla grandiosità e alla potenza della natura, in grado di provocare tuttavia in lui attrazione e godimento estetico.
Nell’ambito della pittura di storia, la rivalutazione delle specificità dell’individuo, e di conseguenza dei singoli popoli, contribuì alla formazione di una coscienza nazionale che se storicamente favorì, assieme ad altre cause, i moti insurrezionali degli anni Venti, Trenta e del 1848, artisticamente risvegliò l’interesse per il Medioevo, considerato l’epoca in cui ebbero origine i moderni popoli europei. In Italia la raffigurazione di episodi tratti dalla storia degli stati preunitari fu al centro del cosiddetto Romanticismo storico, tendenza nata con lo scopo di veicolare messaggi patriottici in epoca di dominazione straniera attraverso il pretesto e l’escamotage di vicende del passato.
Tra i maggiori interpreti della pittura del Romanticismo ci furono i più grandi pittori della storia dell’arte europea, dal tedesco Friedrich agli inglesi Turner e Constable, dai francesi Corot, Delacroix e Géricault all’italiano Hayez, quest’ultimo assoluto protagonista del Romanticismo italiano.

Villa Necchi Campiglio

Costruita tra il 1932 e il 1935 dall’architetto milanese Piero Portaluppi, la villa è giunta a noi perfettamente intatta, sia nell’ampio giardino esterno, sia nella ricca infilata di sale interne. Architettura, arti decorative, arredi e collezioni restituiscono, nel loro armonioso insieme, l’elevato standard di vita dei proprietari, esponenti dell’alta borghesia industriale lombarda. Le sale sono arricchite da opere di Canaletto, De Chirico e dal mobilio d’inizio Novecento.

PER APPROFONDIMENTI VEDI: http://www.gallerieditalia.com/
https://www.fondoambiente.it/luoghi/villa-necchi-campiglio

PROGRAMMA
Ore 8: ritrovo dei partecipanti e partenza per Milano
Ore 11: visita guidata di Villa Necchi Campiglio
Pranzo libero
Ore 15: visita guidata della mostra
Ore 17,30: partenza per Torino con arrivo previsto alle 20

QUOTA DI PARTECIPAZIONE
95 € a persona (salvo conguaglio)
Sconto del 10% per i soci del Touring Club Italiano

Le iscrizioni si chiudono il 28 gennaio.